Diario di Vale

Suona la campanella!

Oggi per molti bambini e ragazzi è un giorno particolare: la campanella è suonata, si deve tornare a scuola.

Per alcuni si è trattato di un ritorno: soliti compagni, soliti insegnanti, solito istituto.

Per altri invece questo giorno rima con novità!

Molti si sono affacciati per la prima volta al mondo delle scuole elementari, altri delle medie inferiori, altri ancora a quello delle scuole medie superiori.

Iniziare un nuovo ciclo scolastico significa lasciare la strada conosciuta, quella delle certezze, del sentirsi a casa, per intraprendere un cammino di cui si sa davvero poco.

Unica certezza è l’obbligo di doverlo intraprendere.

Per quanto la paura venga a bussare bisogna trovare il coraggio di affrontarla.

Ricordo ancora i miei primi giorni di scuola.

Mi piaceva molto studiare eppure la paura della novità veniva a trovarmi sempre.

Dopo ogni primo giorno di scuola però sperimentavo la sensazione di sentirmi un pò più forte: la Vale impaurita della sera dell’attesa aveva lasciato spazio ad una Vale più matura, consapevole.

E’ quello che auguro ad ogni bambino e ragazzo che oggi ha vissuto il suo primo giorno di scuola, che si tratti di un ritorno o dell’inizio di un nuovo ciclo.

Vi auguro di appassionarvi allo studio, di lasciarvi catturare dal fascino di apprendere nuove materie.

Spero che i vostri insegnanti siano animati sempre da una spasmodica passione che li spinga a donarsi a voi senza riserve, ad insegnarvi ad essere belle persone prima ancora che bravi studenti.

Vi auguro di andare a scuola con il sorriso, di non lasciarvi schiacciare da un esito negativo ad un’interrogazione.

Trovate sempre in voi le energie per mettervi in gioco, consapevoli che potete arrivare dove volete, ottenere qualunque risultato con sudore ed impegno!

Buon ritorno a scuola allora nella certezza che lì avrete il privilegio di imparare che la vita vi riserverà sempre campanelle che suonano, interrogazioni improvvise ma voi sarete sempre pronti a rispondere perché a scuola ci hanno insegnato a combattere con coraggio, a saper volare! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.