Diario di Vale

Una fessura sull’armonia…

Vi siete mai chiesti a cosa serva quel piccolo spazio che separa il naso dalla nostra bocca? 

Sembrerebbe essere un buchino ma dietro di esso si cela una leggenda bellissima. ❤️

Prima di svelarvela però provate a posare su quella fessura il vostro dito indice, vedete che ci sta perfettamente?

Ecco, tenete presente questo dettaglio.

Si narra che nel grembo di nostra madre ciascuno di noi abbia vissuto ore interminabili di dolcezza, infinito amore, di grazia quasi divina. 

Questa armonia in qualche modo pare sia dovuta al fatto che ogni bimbo nel ventre materno abbia una conoscenza totale. 

Non esiste mistero che non gli sia svelato!

Ciascuno di noi in quelle acque calde sapeva il numero perfetto degli astri in cielo, quante gocce di acqua compongano un oceano, quanti granelli di sabbia siano stati necessari per regalarci meravigliosi scenari marini. 🌊⭐️

Questa conoscenza totale ed appagante non riguardava però solo cielo e terra:

anche l’essere umano, in ogni sua più piccola parte, per un feto non rappresentava affatto qualcosa di misterioso, al contrario qualcosa di limpido. 

Nell’istante però in cui siamo sul punto di venire alla luce, ci viene affidato un angelo custode che ha un compito speciale. 👼

Con il suo dito indice imprime nello spazio tra naso e labbra una piccola fessura sussurrandoci con dolcezza la parola “apprendi”. 

Una frazione di secondo e quello che prima era chiaro si trasforma in mistero, dimentichiamo tutto ciò che conoscevamo per dono durante i nove mesi vissuti cuore a cuore con nostra madre. 💕

Mi piace pensare che sia proprio quello l’istante in cui l’impatto con l’aria ci porti a piangere perché è in quel preciso istante che quell’armonia di conoscenza perfetta si rompe.

Se ci soffermiamo a pensare però quel piccolo incavo resta come segno indelebile sul nostro volto per ricordarci che è dall’armonia che siamo nati.

Forse tutto ciò che conoscevamo è stato dimenticato ma nella parola apprendi sussurrata dal nostro angelo si nasconde il senso e soprattutto il modo in cui dobbiamo vivere.

È dall’armonia che proveniamo e ciò che abbiamo visto in quei nove mesi fa parte di noi, del nostro vissuto.

Apprendere infatti vuole dire letteralmente “venire a conoscenza di” ossia

ci chiede di muoverci per comprenderlo e farlo nostro ed è esattamente ciò che accade quando nasciamo.

Veniamo alla luce ossia ci muoviamo nella direzione di una conoscenza dimenticata ma che è impressa in noi,

nel nostro cuore

e

in quella fessura che ci ricorda da dove arriviamo. ✨

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.